• Italiano
    • Francese
    • Inglese
    • Spagnolo
    • Portoghese, Portogallo
Seleziona una pagina

Integrazione dei nuovi arrivati: politica, risorse e organizzazioni

Politica di integrazione in Lussemburgo

Il Lussemburgo vede la sua popolazione aumentare ogni anno in modo molto significativo a causa di un clima economico in crescita, favorevole a a migrazione netta positiva.
Di conseguenza, l’integrazione di questi nuovi arrivati è una questione importante per il Granducato. Questi numerosi immigrati provenienti da altri paesi europei, o da altri continenti, devono potersi integrare facilmente, rapidamente e partecipare concretamente allo sviluppo del paese.

Il processo di integrazione è un processo a due vie, che per avere successo deve essere portato avanti da entrambe le parti: l’immigrato e il paese ospitante. In Lussemburgo, lo Stato, i comuni e la società civile lavorano insieme per il successo dell’integrazione dei nuovi arrivati.

I mezzi implementati per l’integrazione

Istruzione e apprendimento del lussemburghese

Bambini stranieri che arrivano in Lussemburgo e frequentano la scuola in Sistema scolastico fondamentale del Lussemburgo beneficiare di un dispositivo specifico che consente loro di integrarsi rapidamente e facilmente grazie al supporto personalizzato nella loro nuova scuola. Saperne di più.

Inoltre, un congedo di formazione di 200 ore è autorizzato per tutta la vita lavorativa in Lussemburgo per consentire ai dipendenti imparare il lussemburghese .

Il piano d’azione nazionale per l’integrazione

Un nuovo Piano d’azione per l’integrazione nazionale (integrazione PAN) è stato adottato nel luglio 2018 e sarà attuato dal Ministero della Famiglia e dell’Integrazione. Prevede non solo l’integrazione di tutti i residenti non lussemburghesi, ma anche l’accoglienza e il sostegno sociale dei richiedenti protezione internazionale, attraverso l’accesso alle informazioni, la qualità dei servizi offerti, il coordinamento e cooperazione in Lussemburgo e a livello internazionale.

Il Contratto di Accoglienza e Integrazione – CAI

Il governo lussemburghese ha sviluppato misure di integrazione innovative per i nuovi arrivati (oltre i 16 anni di età) riunite nell’ambito del “Contratto di accoglienza e integrazione” (CAI) per scoprire o familiarizzare meglio con la storia. , costumi, lingue o valori del Granducato di Lussemburgo.

I servizi contenuti nel CAI sono:

  • delle corsi di lingua a prezzo ridotto (lussemburghese, francese e / o tedesco). L’obiettivo è consentire al discente di raggiungere almeno il livello A.1 in una delle 3 lingue di riferimento in Lussemburgo
  • corsi di educazione civica, che consentono al firmatario del contratto di Accoglienza e Integrazione di conoscere le modalità di convivenza in un Lussemburgo multiculturale, di apprendere Tradizioni lussemburghesi e costumi, basi storiche e organizzazione politica del paese per integrarsi nel Granducato
  • una giornata di orientamento gratuita che permetterà al partecipante di familiarizzare con le organizzazioni ufficiali in un’atmosfera amichevole.

Ulteriori informazioni sul CAI

Organizzazioni di integrazione

Sebbene il governo lussemburghese disponga di tutto per accogliere i nuovi residenti e garantire che si integrino il più rapidamente possibile, è comunque vero che arrivare in un paese che non è il il suo non è evidente a nessuno. Qualunque sia la sua situazione professionale, personale o familiare, molte associazioni e organizzazioni sono lì per aiutare gli espatriati nella loro integrazione in Lussemburgo.

ONA – Ufficio Nazionale Accoglienza

L’Ufficio nazionale di accoglienza (ONA) è un’amministrazione posta sotto l’autorità del Ministro incaricato dell’asilo. È responsabile dell’organizzazione dell’accoglienza dei richiedenti protezione internazionale e della creazione e gestione delle strutture ricettive riservate all’alloggio temporaneo dei richiedenti protezione internazionale, dei rifugiati e delle persone aventi diritto alla protezione sussidiaria.
L’Ufficio Nazionale di Accoglienza (ONA) è stato istituito con la legge del 4 dicembre 2019. Le disposizioni della nuova legge sull’accoglienza sono entrate in vigore il 1 ° gennaio 2020.

L’ONA sostituisce l’ex Ufficio lussemburghese di accoglienza e integrazione (OLAI) istituito dalla legge modificata del 16 dicembre 2008 relativa all’accoglienza e all’integrazione degli stranieri nel Granducato del Lussemburgo.

Il Sito web ONA ti consentirà di saperne di più sui poteri di ONA e sul sistema di accoglienza istituito in Lussemburgo.
Gli uffici dell’Ufficio Nazionale di Accoglienza (ONA) sono aperti al pubblico dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 17.00. Si trovano 5, rue Carlo Hemmer L-1734 Lussemburgo-Kirchberg.
ONA offre hotline in diverse lingue (tedesco, inglese, francese, serbo-croato, russo, albanese, tigrino, arabo e farsi). Telefono: +352247-85700

Il CNE – Consiglio Nazionale per gli Stranieri

Il Consiglio nazionale per gli stranieri in Lussemburgo è un organo consultivo istituzionale, creato nel 1993. In un paese dove quasi Il 50% della popolazione residente è straniera , l’esistenza del CNE è strategica. Sotto la supervisione del Ministero della Famiglia e dell’Integrazione lussemburghese, la sua missione, di propria iniziativa o su richiesta del governo, è studiare l’integrazione degli stranieri in Lussemburgo al fine di porre rimedio a eventuali problemi. accoglienza e integrazione degli stranieri nel Granducato.

Il CNE ha un mandato di 5 anni. Le ultime elezioni si sono svolte nel luglio 2017. Il CNE è composto da:

  • 22 membri della società civile * ed eletti dalle associazioni lussemburghesi che lavorano per l’integrazione degli stranieri in Lussemburgo per rappresentare gli stranieri presenti in Lussemburgo,
  • un rappresentante dei rifugiati e due rappresentanti della società civile proposti dal governo
  • un rappresentante di SYVICOL, Sindacato delle città e dei comuni del Lussemburgo
  • quattro rappresentanti delle organizzazioni dei datori di lavoro,
  • quattro rappresentanti sindacali.

I membri che compongono il CNE eleggono a maggioranza il Presidente e il Vicepresidente del Consiglio Nazionale degli Stranieri.

* Chiunque abbia più di 18 anni domiciliato nel Granducato del Lussemburgo può candidarsi alle elezioni del CNE. Ciò a condizione che sia esclusivamente di nazionalità diversa dal Lussemburgo e abbia tutta la sua capacità giuridica e i suoi diritti di voto. Un membro ottenere successivamente la cittadinanza lussemburghese perderà il suo mandato al CNE

ASTI – Associazione di sostegno ai lavoratori immigrati

ASTI dispone di uno sportello informativo per migranti che fornisce informazioni e orientamento a persone con domande riguardanti la legislazione in materia di immigrazione e protezione internazionale: permessi di lavoro, permesso di soggiorno, visto , eccetera. e offre anche corsi di lingua.

Il progetto ASTI “Connections”, sviluppato con il sostegno finanziario dell’Oeuvre Nationale de Secours Grande-Duchesse Charlotte (call for projects Mateneen), mira a preparare i rifugiati al mercato del lavoro lussemburghese e ad integrare i candidati per lavori. Sulla base di una valutazione delle competenze e della carriera, i partecipanti hanno l’opportunità di svolgere tre fasi:

Un certificato attesta gli sforzi compiuti dal richiedente asilo. Questi documenti non sono trascurabili poiché saranno utili per ADEM (Agenzia per lo sviluppo dell’occupazione), al fine di facilitare l’integrazione di queste persone nel mercato del lavoro , una volta ottenuto lo status di protezione internazionale.

CLAE – Comitato di collegamento delle associazioni di stranieri

La piattaforma di accoglienza, informazione, mediazione culturale e linguistica CLAE è stata creata nel 1985 ed è approvata dal Ministero della Famiglia e dell’Integrazione. CLAE Services asbl è riconosciuta come pubblica utilità dal 24 agosto 2016.
La missione del CLAE è accogliere e informare le persone e le famiglie che migrano in Lussemburgo sui loro diritti

Il CLAE organizza ogni anno il Festival delle Migrazioni, Culture e Cittadinanza, evento imperdibile nella vita sociale, politica e culturale del Lussemburgo.

I Rencontres sans Frontières fanno parte degli incontri annuali offerti dalla Città di Lussemburgo in collaborazione con il CLAE. Ogni anno nel mese di giugno, questa manifestazione sportiva e culturale propone un programma variegato: tornei di beach volley e calcio, varie attività volte a riunire squadre multinazionali per favorire l’integrazione. Atmosfera garantita!
Per ulteriori informazioni su questo evento, visitare il sito web www.rsf.lu.

Lussemburgo Home Asbl

Creata nel 1977, la missione dell’associazione Luxembourg Accueil è accogliere famiglie di tutte le nazionalità in Lussemburgo. invitandoli a partecipare a molteplici attività pensate per tutte le età e tutti i gusti: attività artistiche o creative , visite culturali, culturali o sportive, incontri conviviali, .. Con più di 1.000 soci e 50 nazionalità, l’associazione opera grazie a volontari e con l’aiuto della Città di Lussemburgo.

Le attività si svolgono in francese. Troviamo in particolare:

  • corsi di lingua in tedesco, francese, lussemburghese, inglese, italiano
  • laboratori di cucito, cucina, decorazione, arte floreale, fotografia, teatro, disegno, pittura, calligrafia
  • conferenze,
  • visite a mostre, escursioni alla scoperta dei paesaggi lussemburghesi,
  • yoga, terapia di rilassamento, laboratori di rilassamento
  • caffetterie a tema.

Lo scopo dell’associazione è fornire opportunità di incontrare altre persone e creare legami tra i membri al fine di facilitare l’integrazione dei nuovi arrivati e dei residenti in Lussemburgo.

L’iscrizione alle attività si effettua presso la sede dell’associazione dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 12. Un abbonamento annuale da pagare, di circa 20 euro.

Guarda anche Caritas e HubDot , così come associazioni specializzate in integrazione e assistenza.

NOTIZIA