Interruzioni del lavoro e assenze per malattia

Lavora nel Granducato di Lussemburgo? Che cosa occorre sapere per beneficiare dell’indennità di malattia? Cosaquali sono i vostri diritti e doveri in caso di malattia? Just Arrived vi fornisce un aggiornamento sul congedo per malattia in Lussemburgo.

Impiegato malato, quali obblighi in caso di congedo per malattia?

Siete malati e non potete andare al lavoro?

  • Il primo obbligo è quello di informare il datore di lavoro fin dal primo giorno di assenza.

Queste informazioni possono essere fornite da voi stessi o da terzi, se non siete in grado di farlo da soli. Questo può essere fatto per telefono o per iscritto . Tuttavia, in caso di controversia, dovete essere in grado di dimostrare di aver informato il datore di lavoro della vostra impossibilità a recarvi al lavoro.

Il certificato di assenza dal lavoro deve essere presentato al datore di lavoro e al Fondo sanitario nazionale entro un massimo di 3 giorni dall’assenza. In caso di ricovero ospedaliero grave e in caso di emergenza, il dipendente ha a disposizione un periodo di 8 giorni.

Non è obbligatorio fornire al datore di lavoro un certificato medico per assenze inferiori a 2 giorni lavorativi, a meno che il datore di lavoro non lo richieda espressamente.

Il mancato rispetto di questi obblighi può comportare il licenziamento del dipendente con effetto immediato.

È quindi necessario avvisare il datore di lavoro fin dal primo giorno di assenza e presentare l’interruzione del lavoro entro tre giorni,

  • In caso di prolungamento del congedo per malattia, il certificato medico che lo giustifica deve essere inviato al datore di lavoro e al CNS entro 2 giorni lavorativi dalla data di ripresa inizialmente prevista.

Se il dipendente si ammala durante il congedo, può riprogrammare un numero equivalente di giorni di congedo in consultazione con il datore di lavoro e dietro presentazione di un certificato medico.

Le uscite sono autorizzate durante il congedo per malattia?

In caso di assenza per malattia, il dipendente non può lasciare il proprio domicilio durante i primi 5 giorni di assenza per malattia, anche se il medico autorizza le uscite.

Dopo i 5 giorni di inabilità, il dipendente può lasciare il proprio domicilio o il luogo di soggiorno indicato al CNS solo dalle 10.00 alle 12.00 del mattino e dalle 14.00 alle 18.00 del pomeriggio.

Sono ammesse le seguenti eccezioni:

  • il 1° giorno per le esigenze di alimentazione, previa notifica al CNS.
  • partecipare a visite mediche o convocazioni da parte delle autorità sanitarie in relazione al congedo per malattia.

L’NSC è infatti in grado di controllare il dipendente malato, di propria iniziativa o su richiesta del datore di lavoro.

Questi controlli possono essere effettuati dalle 8.00 alle 21.00 presso il domicilio o il luogo di soggiorno indicato dal dipendente malato . Il dipendente assente deve quindi giustificare la sua assenza. È passibile di ammenda.

In alcuni casi, i soggiorni all’estero possono essere consentiti durante l’incapacità lavorativa. È il caso, ad esempio, di gravi malattie o invalidità, del diritto alle cure palliative, del decesso di un parente all’estero, ecc.

Benefici per la malattia

Il Il datore di lavoro è responsabile del pagamento delle indennità di malattia dei propri dipendenti inabili al lavoro fino al 77 ° giorno di assenza. Il Fondo sanitario nazionale subentra dopo 77 giorni.

Il dipendente malato riceve l’intera retribuzione netta e le prestazioni fino alla fine del mese di 77 giorni di inabilità. Oltre a questo, riceverà lo stipendio base, i supplementi e gli accessori.

Verificate con il vostro datore di lavoro e con il vostro contratto collettivo se esistono disposizioni speciali per la vostra azienda in caso di malattia.

Ulteriori informazioni su mondo del lavoro in Lussemburgo e sul campo della salute .

Stress sul lavoro e burn-out

In Lussemburgo, il 43% dei dipendenti dichiara di soffrire di stress sul lavoro. Quando si parla di burn-out? Quali sono i sintomi? Come reagire in caso di burnout? Come trattarlo? Cosa dice la legge lussemburghese in merito?

Sebbene il burn-out non sia attualmente elencato come “malattia professionale”, è comunque oggetto di campagne di sensibilizzazione e informazione, oltre che di formazione. Dal canto loro, i pazienti possono affidarsi ai numerosi specialisti e alle organizzazioni dedicate a questo settore.

Come prevenire il burn-out?

Il burnout è uno stato di depressione legato all’ambiente di lavoro. Questo stato deriva solitamente da una situazione difficile sul lavoro, che persiste nel tempo.

Il burn-out è un esaurimento emotivo, fisico e psicologico. I sintomi sono solitamente simili a quelli della depressione, anche se spesso meno pronunciati:

  • Stanchezza e senso di depressione,
  • Irritabilità, emotività, ansia e senso di insicurezza,
  • Sensazione di fallimento, incompetenza e perdita di fiducia in se stessi,
  • Difficoltà di concentrazione, perdita di memoria, perdita di interesse per il lavoro,
  • Dolori muscolari (mal di schiena, emicrania…),
  • Cinismo nei confronti del lavoro, disumanizzazione dei rapporti con isolamento nelle relazioni
  • Sensazione di incompetenza, desiderio di abbandono con forte rischio di crollo. Nelle forme più gravi, può esserci il rischio di ictus o infarto.

È quindi urgente agire prima che sia troppo tardi. In caso di sintomi, è consigliabile consultare il medico di famiglia o uno psicologo.

La legge lussemburghese sul burn-out

Si stima che il burnout colpisca quasi due dipendenti su dieci. Non meno di un terzo di loro è ad alto rischio di burn-out.

Tuttavia, il burn-out non è riconosciuto come malattia nel Granducato, a differenza dei vicini belgi e francesi.

Tuttavia, sempre più aziende e associazioni mirano a sensibilizzare la popolazione lavorativa sul problema. È il caso dell’ASTF, dell’IMS o della comunità HR POG. Formazione, informazione, consulenza e conferenze sono rivolte ai dipendenti, ma anche alle risorse umane.

Indirizzi utili sul burn-out

Stressberodung

In collaborazione con la Lega lussemburghese per l’igiene mentale (LLHM), la Camera dei lavoratori offre un servizio di consulenza gratuita ai dipendenti che soffrono di stress sul lavoro. Chiamato “Stressberodung”, questo servizio mira a fornire un supporto psicologico ai lavoratori per aiutarli a gestire lo stress.

Le consultazioni si tengono dal lunedì al venerdì, su appuntamento, presso la sede della Camera dei lavoratori di Lussemburgo-Merl. Le consulenze individuali si svolgono in lussemburghese, francese, tedesco o inglese.

Il numero di consultazioni è limitato a cinque per non creare una concorrenza sleale con gli psicoterapeuti stabiliti in Lussemburgo.

Associazione Lussemburgo e Grande Regione per la prevenzione e la gestione dello stress

L’Association Luxembourg et Grande Région de prévention et de gestion du stress (APGS) mira a prevenire e gestire le patologie legate allo stress.

Alle persone che soffrono di depressione o burn-out viene data l’opportunità di partecipare ad attività fisiche e psico-corporee, adattate ai partecipanti e supervisionate da professionisti della salute specializzati in educazione terapeutica.

Avvertimento ! Per partecipare alle attività è necessario un certificato medico di non controindicazione.

Centro per la prevenzione e il sostegno del burn-out

Il Centro per la prevenzione e il sostegno del burnout (CPA Burnout) si propone di creare uno spazio di ascolto e di scambio di idee sul burnout.

Offre supporto individuale, workshop e formazione, ma anche programmi su misura per le aziende. L’unità è composta da un team multidisciplinare di professionisti della salute.

Il tappo impedisce la bruciatura

Cap Prevent Burnout è un’unità di supporto multidisciplinare. Mira a prevenire lo stress sul lavoro e si prende cura delle persone che soffrono di burn-out.

L’unità offre consulenze, laboratori pratici e gruppi di discussione. Queste attività sono supervisionate da un team di professionisti complementari: uno psichiatra, un coach, un neuropsicologo, ecc.

Benessere al lavoro

Wellbeing at Work è un’organizzazione specializzata nella promozione della salute e del benessere sul lavoro. Offre sostegno, piani d’azione, conferenze, sessioni di coaching e campagne di sensibilizzazione.