Mercato del lavoro e popolazione attiva

Lussemburgo: un mercato del lavoro dinamico

Una crisi di Covid che ha ridisegnato il mercato del lavoro

Nel 2020, le aziende lussemburghesi hanno dovuto affrontare una crisi sanitaria senza precedenti. Il mercato del lavoro è cambiato.
In Lussemburgo, come altrove, hanno dovuto adattarsi per offrire ai loro dipendenti un ambiente di lavoro sicuro, pur continuando le loro attività .

Sempre più dipendenti sono alla ricerca di un un migliore equilibrio tra la loro vita professionale e quella privata. La stabilità sul lavoro sta diventando di nuovo un criterio importante.
Quasi il 60% dei dipendenti prevede di rimanere nel proprio posto di lavoro per un periodo più lungo, oltre i 5 anni. Tuttavia, il 75% dei dipendenti dice di essere ancora aperto a nuove opportunità nel mercato del lavoro per dare una spinta alla propria carriera.

Iltelelavoro è ora pienamente integrato dalle aziende per quelle occupazioni che possono farlo.
Anche se il ritorno in azienda è sempre più raccomandato dal datore di lavoro, molti dipendenti sono ancora riluttanti a tornare nei locali dell’azienda.
In un mercato del lavoro che cambia, ci stiamo muovendo verso l’integrazione del telelavoro come norma aziendale? La Camera dei Lavoratori non è molto favorevole oggi. Ci sarebbe un massimo di uno o due giorni di telelavoro a settimana.

Il telelavoro è lasciato alla discrezione delle aziende, ma è ormai un benefit in natura per i dipendenti.

%

Tasso di disoccupazione fine 2021

Ma un mercato del lavoro ancora molto attivo

Nonostante la crisi di Covid, il mercato del lavoro lussemburghese è ancora molto attivo.

Mentre i tassi di disoccupazione sono aumentati bruscamente durante la crisi, ora sono tornati al livello precedente. Il blocco obbligatorio ha comportato un notevole aumento della disoccupazione, pari al 33,6%, nel periodo 2020-2021. L’aumento della disoccupazione è stato causato dal lavoro ad orario ridotto, da una diminuzione del numero di uscite dal mercato del lavoro e dal numero riportato di posti di lavoro vacanti. Il paese sta ora riprendendo le sue attività e gestendo al meglio l’uscita dalla crisi.

Leultime cifre del 5,2% del tasso di disoccupazione a fine dicembre 2021 (dati ADEM) sono in calo del 17% rispetto a dicembre 2020.
Nel complesso, il Lussemburgo ha un tasso di disoccupazione inferiore alla media europea. Il mercato del lavoro lussemburghese riflette l’ambiente internazionale e dinamico che caratterizza il paese.

Esigenze sempre più tecniche e operative

Questa nuova situazione rafforza le esigenze delle aziende in termini di profili tecnici, informatici e operativi per rispondere alla necessità di digitalizzare gli strumenti e i processi di lavoro.

Cerchi lavoro in Lussemburgo? Vedere questa pagina.

Una forza lavoro internazionale

Multilinguismo e multiculturalismo

Il Lussemburgo è caratterizzato da una forza lavoro multiculturale e multilingue, proprio come i suoi residenti.

La popolazione attiva ammontava a 499.100 persone alla fine di marzo 2022, compresi 219.107 lavoratori frontalieri.

Alla fine del 2021, il 53% della popolazione attiva era rappresentato da residenti, il 26% dei quali di nazionalità lussemburghese. Il 23% dei residenti stranieri attivi proviene dall’Unione Europea. Attirati dalle opportunità di carriera e dalla qualità della vita in Lussemburgo, molti dirigenti stranieri trovano lavoro in Lussemburgo.

Il multilinguismo è una realtà nel mondo professionale lussemburghese.

L’inglese sta diventando sempre più una lingua importante negli scambi professionali, in particolare nelle istituzioni europee, nel settore finanziario e nell’industria. Il francese è più usato nei negozi, nei ristoranti e negli alberghi.

L’apprendimento di nuove lingue è ampiamente incoraggiato, così come la formazione continua.

Il carattere internazionale dei dipendenti arricchisce gli scambi nelle relazioni intra- e inter-aziendali. È soprattutto una risorsa per il dinamismo della sua economia e la sua apertura al mondo esterno.

Scopri di più sulla popolazione del Lussemburgo.

%

% di lavoratori frontalieri sulla popolazione attiva

L’importanza dei lavoratori frontalieri

Anche i lavoratori frontalieri sono attratti dalle opportunità di lavoro e dalle condizioni salariali offerte dal Lussemburgo.

Il numero di lavoratori transfrontalieri è aumentato costantemente negli ultimi decenni. La città di Lussemburgo, centro dell’attività economica, vede la sua popolazione raddoppiare nei giorni lavorativi.

Alla fine del 2021, il paese impiegava più di 217.000 lavoratori frontalieri, cioè il 47% della popolazione attiva. Di questi lavoratori transfrontalieri, il 53% viene dalla Francia, il 24% dalla Germania e il 23% dal Belgio. Alcuni studi effettuati prima di Covid indicano una popolazione di 600.000 frontalieri entro il 2060.

La soglia dei 200.000 è stata superata per la prima volta nell’aprile 2019. Questo causa anche problemi di traffico sulle autostrade nelle ore di punta. Accordi bilaterali di telelavoro sono costantemente in discussione tra i paesi della Grande Regione per permettere ai lavoratori frontalieri di lavorare da casa.

La crisi del coronavirus ha evidenziato la dipendenza del Lussemburgo dai lavoratori frontalieri. Questo vale in particolare per il settore ospedaliero, per il commercio al dettaglio e per altri settori prioritari, che sono fortemente coinvolti nel periodo di contenimento. L’industria alberghiera e della ristorazione concentra anche un alto livello di occupazione transfrontaliera.

Un mercato del lavoro dei servizi

Originariamente un Paese agricolo, il Lussemburgo ha visto lo sviluppo di una potente industria siderurgica a metà del XX secolo.
Numerosi siti industriali nel bacino minerario del sud del Lussemburgo testimoniano il passato che ha dato a questo Paese la sua crescita e la sua ricchezza. In seguito, con la crisi petrolifera del 1973 e la conseguente crisi, l’economia lussemburghese si orientò verso i servizi e lo sviluppo dell’industria terziaria.

Il Lussemburgo è diventato un centro finanziario internazionale ed è il principale centro europeo per i fondi d’investimento. È sede di un grande, competitivo e di successo settore di private banking, gestione patrimoniale, fondi d’investimento e assicurazioni/riassicurazioni.

Da alcuni anni il governo lussemburghese punta alla diversificazione economica.
Incoraggia
losviluppo di settori come le tecnologie dell’informazione e della comunicazione, la logistica, il commercio elettronico e le biotecnologie. Promuove anche lo sforzo di ricerca e sviluppo, attraverso l’Università del Lussemburgo, ma anche attraverso istituti di ricerca presenti sulla scena internazionale. Investe massicciamente nello spazio e fa delle sue start-up la punta di diamante della sua economia. Il Lussemburgo si definisce come una “start-up nation”.

Sono isettori dei servizi, dell’informazione e della comunicazione che hanno visto i più forti aumenti delle assunzioni negli ultimi anni, in particolare nelle attività di contabilità, nel lavoro temporaneo e nella programmazione informatica.

Secondo le ultime statistiche in nostro possesso alla fine del terzo trimestre del 2021, i settori economici che impiegano più persone sono, in ordine

  • commercio/trasporti/alloggio/ristorazione 22.1% 22.1%
  • amministrazioni e servizi pubblici 21.6% 21.6%
  • attività specializzate e servizi di supporto 16.6% 16.6%
  • attività finanziarie e assicurative 11.3% 11.3%
  • costruzione 10.9% 10.9%
  • industria 8.2% 8.2%
  • informazione e comunicazione 4.4% 4.4%
  • altre attività 4.8% 4.8%

Aziende private, istituzioni dell’UE e servizio civile

Datori di lavoro privati lussemburghesi

Il Lussemburgo gode di un alto grado di stabilità sociale e politica che favorisce lo sviluppo. Il rating AAA è regolarmente confermato dalle principali agenzie di rating.

Sempre più aziende internazionali si trasferiscono in Lussemburgo, attratte dal dinamismo del paese. In particolare, le grandi multinazionali sono tra i maggiori datori di lavoro del paese .

D’altra parte, una delle caratteristiche del Lussemburgo è la sua alta percentuale di imprenditori individuali. La struttura delle società al 1° gennaio 2019 è la seguente:

  • imprese individuali: 39,0%.
  • 1-4 dipendenti: 37,2%.
  • 5-9 dipendenti: 10,5
  • >=10 dipendenti: 13,2%.

Funzionari europei a Lussemburgo

Le numerose istituzioni europee presenti a Lussemburgo-Kirchberg possono spiegare in parte questo flusso costante di popolazione attiva, secondo i movimenti dei funzionari europei.

Come membro fondatore della Comunità europea, il Lussemburgo è sede di diverse istituzioni europee. La Corte di giustizia, il Tribunale di primo grado, la Corte dei conti, la Banca europea per gli investimenti, il Segretariato del Parlamento europeo e diversi servizi della Commissione sono presenti e situati principalmente nel distretto di Kirchberg. Anche la Scuola Europea I si trova in questa zona.

Più di 14.000 funzionari internazionali dell’UE hanno sede in Lussemburgo.

%

Dipendenti pubblici europei in % della popolazione attiva

Settore pubblico lussemburghese

Il servizio civile comprende più di 30.000 impiegati statali in Lussemburgo. Sempre più spesso, lo stato lussemburghese sta aprendo posizioni di servizio civile a candidati di nazionalità non lussemburghese.

Ad oggi, oltre ai requisiti educativi e professionali per ogni posizione, i candidati devono essere cittadini di uno Stato membro dell’Unione europea. Per candidarsi a un posto nella funzione pubblica, devono godere dei loro diritti civili e politici e conoscere le tre lingue amministrative, cioè il lussemburghese, il francese e il tedesco.

Scopri di più sull’occupazione in Lussemburgo.