Leggi e condizioni di lavoro

Solo il diritto lussemburghese regola il mondo del lavoro nel Granducato di Lussemburgo. Indipendentemente dal loro status, che si tratti di un residente o di un lavoratore frontaliero, di un lavoratore distaccato o di un dipendente locale, tutte le persone che lavorano in Lussemburgo sono soggette al codice del lavoro in vigore.

Qui troverete i diversi tipi di contratto, così come le ore di lavoro a tempo pieno e le ferie legali. Solleviamo anche il tema del telelavoro, più specificamente per i lavoratori frontalieri. Saprete anche a chi rivolgervi in caso di bisogno.

I diversi tipi di contratti di lavoro nel Lussemburgo

Esistono diversi tipi di contratto di lavoro, i più importanti dei quali sono i contratti a tempo indeterminato e a tempo determinato. I contratti di lavoro sono conclusi al più tardi quando il dipendente entra in azienda.

Il contratto a tempo indeterminato

Il CDI o Contrat à Durée Indéterminée è firmato tra il datore di lavoro e il dipendente. È stabilito senza una scadenza per soddisfare un bisogno sostenibile dell’azienda. Il dipendente lavora quindi per l’azienda in cambio di uno stipendio.

Il contratto a tempo indeterminato può essere terminato da entrambe le parti, datore di lavoro e dipendente, con un periodo minimo di preavviso precedentemente stabilito nel contratto. Il datore di lavoro che termina il contratto deve giustificare la sua decisione. Se non lo fa, il dipendente licenziato ha la possibilità di chiedere il motivo del licenziamento. Il datore di lavoro deve poi giustificare la sua decisione. L’impiegato può, tuttavia, dimettersi senza alcuna giustificazione.

Il contratto a tempo determinato

Un contratto a tempo determinato è un contratto di lavoro firmato tra il datore di lavoro e il dipendente per una durata specifica e per un compito specifico e non duraturo. La durata massima di un contratto a tempo determinato è di 2 anni e può essere rinnovato due volte. Il contratto a tempo determinato risponde a un bisogno straordinario dell’azienda. Se la necessità persiste, l’azienda dovrà poi firmare un contratto permanente con il suo dipendente.

Altri contratti di lavoro

Altri tipi di contratti di lavoro possono essere firmati tra il datore di lavoro e il dipendente. Corrispondono a casi e bisogni specifici.

  • Il Il lavoro temporaneo corrisponde a un bisogno specifico di un’azienda, che non è sostenibile. È l’oggetto di una relazione tripartita tra il datore di lavoro e una società interinale per mezzo di un contratto di fornitura da un lato, e tra la società interinale e la persona incaricata della cessione dall’altro lato per mezzo di un contratto di cessione.
  • Il contratto stagionale è un contratto a tempo indeterminato per soddisfare un bisogno permanente dell’azienda ma legato a una stagionalità, come la vendemmia.
  • Gli stage di professionalizzazione corrispondono ai bisogni di reintegrazione professionale dei lavoratori vulnerabili.

Maggiori informazioni sui tipi di contratti di lavoro nel Lussemburgo

Telelavoro

I lavoratori possono beneficiare legalmente dei giorni di telelavoro. Durante questi giorni, sono autorizzati, in pieno accordo con il loro datore di lavoro, a lavorare da casa. Il telelavoro è stato poco utilizzato fino ad ora, con solo il 20% dei residenti che lo utilizzano nel 2019.

Per quanto riguarda i lavoratori frontalieri, I giorni di telelavoro sono negoziati in accordi bilaterali dal governo del Lussemburgo con i paesi interessati. Infatti, se il numero di giorni di telelavoro autorizzati viene superato dal lavoratore frontaliero, questi è tenuto a pagare laL’imposta sul suo reddito da lavoro dipendente viene pagata nel suo paese di residenza e non più in Lussemburgo. Il principio è che oltre il 25% dell’orario di lavoro nel loro paese di residenza, i dipendenti devono registrarsi presso le organizzazioni di sicurezza sociale locali. La loro pensione di vecchiaia non è quindi più pagata in Lussemburgo e gli assegni familiari non sono più versati dal Granducato. Questo può avere un forte impatto sul dipendente e quindi essere svantaggioso da un punto di vista finanziario, oltre al miglioramento della qualità della vita dovuto alla riduzione del tempo di viaggio.

Il mercato del lavoro è stato sconvolto dalla crisi del Covid 19. Questo ha permesso di rendere più flessibile il numero di giorni, in modo che i dipendenti in telelavoro non siano penalizzati. Per limitare la diffusione dell’epidemia, il telelavoro è stato reso obbligatorio dal governo lussemburghese nel 2020, tranne in casi speciali e quando è impossibile a causa della professione. Da allora, l’ uso del telelavoro è aumentato più di tre volte, soprattutto nella pubblica amministrazione (x3,7) e tra il personale qualificato delle grandi aziende (x3,2). Al culmine della crisi, più della metà della forza lavoro, se non tutto il personale delle istituzioni finanziarie, dei settori dell’informazione e della comunicazione lavorava a distanza (Fonte STATEC).

  • I lavoratori frontalieri francesi beneficiano di 34 giorni di telelavoro all’anno
  • Anche i lavoratori frontalieri belgi hanno diritto a 34 giorni di telelavoro
  • I lavoratori frontalieri tedeschi hanno solo 19 giorni.

Attualmente, il telelavoro è lasciato alla discrezione dei datori di lavoro. Nel contesto di una ricerca di lavoro, il candidato può discutere questo punto con il futuro datore di lavoro al momento opportuno.

La remunerazione del dipendente

Il datore di lavoro e il dipendente possono decidere liberamente il salario al quale il dipendente sarà pagato. La retribuzione è calcolata secondo l’incarico o la posizione, le qualifiche e le competenze del dipendente. Tuttavia, un salario sociale minimo deve essere rispettato.

Ti stai candidando per un lavoro e vuoi sapere le fasce di stipendio che puoi aspettarti? Controlla le ultime tendenze in materia di retribuzione qui.

Orario legale di lavoro

Orario legale di lavoro

L’orario di lavoro legale per il lavoro a tempo pieno è di 8 ore al giorno e 40 ore alla settimana. La legge permette lo straordinario fino a 2 ore al giorno e 8 ore alla settimana.

La durata massima del lavoro non può quindi superare le 10 ore al giorno, né le 48 ore alla settimana.

Diritti di congedo

Congedo annuale

Ogni dipendente ha diritto per legge a 26 giorni lavorativi di ferie annuali pagate. Oltre a questi giorni di congedo, ci sono i giorni festivi legali Questi sono: Capodanno, Lunedì di Pasqua, 1 e 9 maggio, Ascensione, Lunedì di Pentecoste, Bastiglia (23 giugno), Assunzione, Ognissanti (1 novembre), Natale e Santo Stefano (25 e 26 dicembre). Se queste festività cadono di domenica, saranno soggetti a giorni aggiuntivi di ferie, oltre ai 26 giorni di cui sopra.

Congedo collettivo

I contratti collettivi dei settori dell’edilizia e dell’ingegneria civile impongono ai loro dipendenti delle vacanze collettive obbligatorie ogni anno. Questa misura, che dura 15 giorni lavorativi in estate e 10 giorni lavorativi in inverno, riguarda circa 18.000 persone.
In termini concreti, agosto diventa il “Summerlach” o buco estivo. Tutti i cantieri pubblici e privati sono chiusi, a meno che non vengano concesse esenzioni dall’ispettorato del lavoro e delle miniere. È il caso, per esempio, dei lavori nelle scuole, o nelle fabbriche durante le interruzioni di produzione o su richiesta se l’ITM considera il lavoro urgente. D’altra parte, un privato che esegue un lavoro dovrà rispettarlo.

Congedo per malattia

Un dipendente malato ha diritto al congedo per malattia. Questi sono regolati molto precisamente dalla legge. Per non metterti in pericolo nei confronti del tuo datore di lavoro, puoi trovare maggiori informazioni sulle interruzioni del lavoro qui.

Congedo straordinario

Ogni dipendente ha diritto a una serie di congedi speciali per eventi familiari, tra cui maternità e congedo parentale, morte in famiglia, ecc.

Scopri di più sull’organizzazione del lavoro e delle vacanze.

Altre informazioni utili nel mondo del lavoro

Status identico per i rifugiati e i residenti in Lussemburgo

La questione dell’occupazione dei rifugiati è stata esplorata da Adem l’11 maggio 2017 in occasione del Diversity Day. Il numero di persone che beneficiano di protezione internazionale, note anche come “rifugiati”, è in aumento sul territorio del Lussemburgo. Alcuni profili sono interessanti per le aziende lussemburghesi, in particolare in caso di mancanza di manodopera in certi settori.

La legge lussemburghese dà ai rifugiati lo stesso diritto di lavorare dei residenti in Lussemburgo: non hanno bisogno di un permesso di lavoro.

Lingue parlate al lavoro

Il lussemburghese, il francese e il tedesco sono le tre lingue ufficiali del Lussemburgo. Tuttavia, a causa dell’alta percentuale di stranieri in alcune aziende, l ‘inglese è molto praticato in molte aree della vita lavorativa .

In alcune professioni, come l’assistenza personale e la cura, la conoscenza del lussemburghese è essenziale. Saper parlare lussemburghese è molto apprezzato dalla popolazione lussemburghese, per esempio nei negozi e nei servizi.

Importanza del networking

Il Lussemburgo è un piccolo paese, spesso paragonato a un grande villaggio dato il numero di abitanti. La rete personale è molto importante per le relazioni professionali. Non esitate a rivolgervi alle numerose associazioni e a partecipare agli eventi di networking! Questo può essere particolarmente utile quando si cerca un lavoro.

Dove trovare informazioni per il tuo lavoro?

Camera degli impiegati CSL

La Camera dei Lavoratori o CSL è sotto la supervisione del Ministero del Lavoro e dell’Occupazione. Copre tutti i dipendenti (impiegati e operai), gli apprendisti e i pensionati che lavorano o hanno lavorato in Lussemburgo.

Oltre al suo ruolo consultivo su tutti i progetti di legge e i regolamenti granducali, la Chambre des salariés vi informa sul diritto del lavoro e della sicurezza sociale in Lussemburgo, sui diritti dei lavoratori e fornisce tutte le informazioni sulla salute e il benessere sul lavoro. Nomina anche i rappresentanti negli organismi di sicurezza sociale.

Uno dei compiti principali del CSL è anche quello di per formare i futuri dipendenti e per assicurare la formazione continua dei dipendenti esistenti.
La Camera dei Lavoratori, attraverso il IlLuxembourg Lifelong Learning Center offre una vasta gamma di corsi di formazione (diritto, marketing, scienze umane, finanza, office automation e IT, ecc.), in francese, inglese o tedesco, che portano ad una certificazione convalidata da università internazionali.
I corsi si svolgono in diverse forme: seminari, corsi serali – 224 moduli e corsi diurni, sempre per modulo.

Camera dei mestieri e dell’artigianato

La Chambre des Métiers de Luxembourg è l’organizzazione professionale competente per l’artigianato. Riunisce tutte le imprese artigianali del Lussemburgo, cioè più di 120 mestieri e lavori locali, elencati in campi professionali diversi come l’alimentazione, la comunicazione, il multimedia e lo spettacolo, la moda, la salute e l’igiene, la meccanica e la costruzione e varie attività artigianali. La Chambre des Métiers rappresenta più di 7.000 aziende, cioè il 22% delle aziende del Lussemburgo.

La Chambre des Métiers de Luxembourg lavora per preservare e sviluppare l’artigianato in Lussemburgo. È responsabile per :

  • la formazione professionale nei mestieri artigianali per preservare e sviluppare il know-how degli artigiani
  • elaborare il quadro legislativo e definire la regolamentazione dell’artigianato per preservare il suo know-how ma allo stesso tempo per innovare
  • per consigliare, informare,…

Alla Chambre des Métiers troverete tutte le informazioni necessarie per creare un’ impresa, e seminari per i fondatori di imprese e altri lavoratori autonomi: gestione aziendale, lingue, tecnologia, ecc., apprendistato e perfezionamento legati ai mestieri e alle professioni artigianali.

Camera di Commercio

La Camera di Commercio del Lussemburgo è un’istituzione pubblica che sostiene e accompagna tutte le imprese lussemburghesi, tranne quelle legate all’artigianato e all’agricoltura, nel loro sviluppo a livello nazionale, europeo e internazionale. Rappresenta il 75% di tutto il lavoro dipendente in Lussemburgo e costituisce l’80% del PIL del Lussemburgo.

Fornisce analisi economiche e servizi alle sue oltre 90.000 aziende associate e a chiunque sia interessato a fare affari. È la più importante camera professionale del paese.

La Camera di Commercio può intervenire nella legislazione del paese emettendo pareri. Il suo obiettivo è quello di promuovere l’imprenditorialità, la creazione e lo sviluppo delle imprese del paese e di sostenere le relazioni economiche e commerciali con l’estero.

La rivista Merkur della Camera di Commercio è la rivista di notizie con una tiratura di oltre 35.000 copie ogni due mesi. Puoi richiederlo online sul sito della Camera di Commercio.

La Camera di Commercio raggruppa le sue attività di formazione all’interno della “Luxembourg School for Commerce”.

Maggiori informazioni sull’occupazione.